mercoledì 26 ottobre 2011

Un anno

Tanti auguri al nostro Nanetto-Orsetto!
Un anno fa a quest'ora mi ricoveravo in ospedale. Ero abbastanza indispettita perchè avevo il cesareo programmato solo per il giorno successivo e mi dispiaceva stare in ospedale più del necessario. E invece trovarono un posticino in sala operatoria e nascesti tu!
Il mio primo pensiero, vedendoti, è stato: "Quanti capelli!", anche se, in effetti, non erano così tanti. Eri già bellobellobello in modo assurdo. Purtroppo non potei coccolarti per tutto il tempo che avrei voluto, perchè nel frattempo i dottori mi avevano trovato un uovo nella pancia (un leiomioma, un tumore benigno grosso come un pugno)! Insomma, ho dovuto aspettare oltre un'ora sotto i ferri per rivederti. Ma il tuo babbo intanto ti spupazzava: te lo sei snuffato* (=annusato) proprio per bene, tanto che l'imprinting deve aver funzionato, visto che sei un babbone...
Un bacio da mamma, babbo e Fagiolina.

*Nell'Ospedale della nostra cittadina, certificato "Ospedale amico della mamma e del bambino"-UNICEF, il bambino appena nato viene subito posto a contatto pelle a pelle con la mamma, anche se sottoposta ad un taglio cesareo. Il bambino viene lasciato in braccio alla mamma cesarizzata finchè questa lo desidera, ma se in sala operatoria sorge qualche complicazione il bambino viene portato al padre, che aspetta in camera di degenza. Il babbo, a petto nudo e disteso sul letto, prosegue il contatto pelle a pelle: il bimbo, sempre nudo, rimane abbracciato al babbo e coperto di teli caldi fino al ritorno in camera della mamma. Il bimbo viene quindi attaccato al seno il più presto possibile (e comunque entro un'ora dalla nascita). In caso di parto naturale il contatto pelle a pelle e l'attacco al seno avvengono immediatamente.

5 commenti:

  1. auguri al nanetto!!!
    bello quando compiono un anno, con il mio ho iniziato a divertirmi da allora. non che prima non fosse bello, ma é meno faticoso adesso.
    comunque anch'io cesarea, purtroppo con anestesia generale, alla fine l'epidurale era terminata e non aveva tempo per aspettare, cosí che io l'ho visto solo il giorno dopo, mentre il bimbo lo mettevano sotto ossigeno. peccato, una bella esperienza che non ho potuto vivere, e sinceramente lo dico, mi manca, nel senso che non é stato cosí naturale come avrei sperato, me l'han portato il giorno dopo e non l'ho vissuto come avrei dovuto fare. ma anche lui era bellissimo!

    RispondiElimina