sabato 14 gennaio 2017

Medici danesi vs medici italiani, pazienti danesi vs pazienti italiani 1

Probabilmente è troppo presto per scrivere questo post, dal momento che ancora non mi sono completamente immersa nella realtà sanitaria danese. La mia timida incursione per ora è solo limitata ad un giorno di ambulatorio (medico di base, per chi non mi conosce) a settimana, e sempre come affiancamento al mio tutor. Non ho avuto ancora il "piacere" (!) di visitare da sola un paziente danese. Però comincio a farmi qualche idea e se non comincio a buttare giù le mie impressioni rischio di perdermi. Inoltre con questo post comincio a rispondere alle tante domande che mi sono state fatte da amici e colleghi durante le vacanze italiane.
La mia frequentazione di gruppi di medici di famiglia su facebook continua a ricordarmi quanto sia stridente il confronto tra le due situazioni sanitarie. PREMETTO: il confronto è IMPIETOSO. Ovvio che si tratti di miei pensieri e interpretazioni personali: chiunque esprima una sua opinione, qualsiasi sia l'argomento, ci mette dentro tutto il suo background e il suo vissuto. E ovvio anche che mi dispiaccia fare la solita figura dell'espatriata che dall'estero pratica lo sport di dire male dell'Italia, che in fondo mi ha comunque cresciuta e fatto essere ciò che sono ora. Però non mi rompete le palle scrivendomi che sono ingiusta con la mia Patria, a meno che non siate medici di famiglia italiani che lavorano in DK. 

1) I medici danesi lavorano 37 ore a settimana. La separazione tra vita e privata e lavoro è SACRA, non esiste al mondo che ci siano incursioni di pazienti nello spazio che il medico riserva alla sua famiglia. Un medico italiano è tenuto ad essere reperibile 12 ore al giorno. Questo porta i pazienti a sentirsi autorizzarti a chiamare SEMPRE nel corso della giornata. E per qualsiasi cazzata (mentre la reperibilità sarebbe per urgenze...non per farsi prescrivere la terapia cronica). Sia mentre stai facendo ambulatorio e sei nel mezzo della visita di altri pazienti, sia all'ora di pranzo (ore 13,30: "dottore ho pensato di chiamare a quest'ora perchè magari in questo momento è un po' più libero" ...sì, di pranzare!), sia ovviamente mentre sei in bagno, arriva lo squillo malefico. Non rispondi subito? continuano a tempestarti. Li richiami? "ah dottore, che fatica a rintracciarla!". Molti iniziano a chiamare alle 7 di mattina, se non hai l'accortezza di spegnere il cellulare di notte. Moltissimi si sentono autorizzati a chiamare la domenica, perchè ritengono che la guardia medica non sia abbastanza competente, ..." e poi, dottore, io mi fido solo di lei". Ammetto che la responsabilità è anche di coloro che permettono di tutto ai propri pazienti, li abituano ad un rapporto non professionale, ma amichevole. La diagnosi on demand: con whatsapp i pazienti mandano senza ritegno foto di gole e genitali. Colpa anche dei medici-zerbini, che ricordano con nostalgia i bei vecchi tempi dei medici condotti, di campagna o della mutua, mentre il mondo è completamente cambiato e se non si arginano le pretese dei pazienti non si ha più una vita. Non è cinismo. E' inutile fare gli zerbini e poi andare in burn-out dopo 10 anni, non si fa un buon servizio nè a se stessi, nè alla comunità. Qui in DK si finisce alle 16. Si torna a casa, si sta con i cari. Si è tutti più sereni.

2) Ogni paziente chiama prima di andare in ambulatorio, e prende appuntamento. Se si tratta di un'urgenza, chiama dalle ore 8 alle ore 9 e generalmente gli si trova un posto in giornata. Oppure ogni ambulatorio riserva un giorno alla settimana ai pazienti urgenti, che comunque devono sempre chiamare prima di andare in ambulatorio. Ogni paziente ha un tempo limitato. Di solito 10 minuti. Direte: ma è poco! No, se non ci si perde in chiacchiere. Italia: ogni paziente viene e ti snocciola 5 o 6 problemi (dottore ho mal di gola. Ah, visto che sono qui mi misura la pressione? E poi mi segna le medicina per la vicina di casa? Ah...ho trovato nel cassetto queste analisi, mi ero dimenticato di portagliele, me le controlla?), ti parla di almeno un familiare (moglie, marito, sorella, figlio, fratello). Danimarca: si viene per 1 problema alla volta. C'è da dire che i risultati delle analisi e esami strumentali e lettere di dimissioni arrivano direttamente sul computer e quindi non c'è tutto il viavai di pazienti con referti in mano come in Italia. In DK il medico non misura pressioni, non fa tamponi faringei, né prelievi. Ci pensano le segretarie. Nel momento in cui un paziente ti entra in ambulatorio vedi già la sua pressione, la PCR (=proteina C reattiva, un indice di flogosi che può aiutare nella distinzione tra infezioni virali e batteriche), la sua glicemia, le sue analisi. Ci si focalizza prima sul problema, si visita, si ha anche tempo per fare empowerment del paziente.

3) Qua non ho MAI, MAI visto una sola volta pazienti entrare e dire "dottore, mi DEVE segnare ... (analisi, medicine, esami, impegnative per specialisti)". Qua il paziente viene, espone il suo problema e aspetta che sia il medico a proporre terapie, test, approfondimenti. In Italia il 60% delle visite inizia con la richiesta di cui sopra. Non vi dico poi il giorno dopo delle trasmissioni a tema "medico" in tv: ognuno crede di essere affetto da questo e quello e pretende di fare tutti i test del caso. O magari "la parrucchiera mi ha detto che quella medicina è taaaaanto meglio di quell'altra e allora la voglio pure io!". E se non gliela dai si incazzano. E se non gliela segni "con la nota" o in fascia A (=per non pagare), si incazzano. E se poi non funziona, si incazzano. Con te, mica con la parrucchiera!

4) Qua le visite domiciliari sono casi ECCEZIONALI. Ora, non voglio dire che questo sia giusto a prescindere dai casi. Chiaro che se uno è immobilizzato a casa ha diritto ad una visita domiciliare. Ma in Italia si è COMPLETAMENTE perso il senso della misura. E in questi periodi di influenza si raggiungono picchi di follia indicibili. Richieste di visita per giovani sani con febbre da un giorno, per capogiri, per debolezza, per raffreddori. "Dottore, mica vorrà farmi uscire con questo freddo?", "Dottore, se non viene a vedere mia madre (per la quarta volta in un mese) dovrò portarla al pronto soccorso" (ah, per portarla al PS la fai uscire?). In Italia i vomiti sono sempre incoercibili, le diarree sempre al limite della sopravvivenza, le tossi insopportabili, le stanchezze eccezionali, i mal di gola allucinanti. Le influenze sono sempre "io non sono mai stato così in vita mia!", anche a 50 anni. Qua in DK ho visto una vecchietta di 87 anni e 39 chili, venire con le sue gambe (e il deambulatore) in ambulatorio, dopo 7 giorni di vomito e diarrea, con la febbre, dopo aver perso 6 chili. Spedita in ambulanza al pronto soccorso per disidratazione, ma venuta con le sue gambe! L'accordo collettivo nazionale italiano prevede le visite domiciliari per i pazienti che non si possono muovere da casa. Con questo si intendono i pazienti allettati, o con handicap, quelli estremamente anziani. La febbre NON è un motivo per non poter uscire di casa (anche per i bambini, sì!!), come non lo è la "fiacca", o non avere la macchina (!!!!). L'influenza c'è anche in Danimarca in questa stagione. Non è arrivata UNA SOLA chiamata per visita domiciliare. La gente, se proprio non può aspettare il decorso della malattia, si prende una Tachipirina e viene in ambulatorio. Se non ha la macchina, si piglia un taxi. Da noi se non vai ti minacciano di chiamare i carabinieri. Alternativa: finisci per prescrivere antibiotici a casaccio al telefono, per evitarti di fare 30 domiciliari al giorno (vedi il punto 6). Oppure i pazienti vanno ad intasare i PS e succede (regolarmente, tutti gli anni) il casino mediatico. In Italia è sempre EMERGENZA influenza, una delle più temibili e rare malattie del mondo.

5) Non ho MAI visto mettere in discussione la decisione del medico. I pazienti qua si fidano. Vengono per un problema da un professionista esperto nella materia e si fidano, come di solito ci si dovrebbe fidare di uno che ne sa di più di noi, sennò che ci si va a fare? In Italia siamo tutti allenatori di calcio... e tutti medici. Nel 90% dei casi, quando proponi un percorso terapeutico o diagnostico, il paziente conosce sempre una soluzione alternativa, che gli è stata proposta dal vicino di casa o dalla cassiera del supermercato: "dottore, con la Mafalda ha funzionato XXX, perchè non me lo fa fare pure a me??". Per non parlare di quel 5% dei pazienti che proprio si incazzano, ti fanno le piazzate, ti insultano, ti minacciano... specialmente se sei una donna. Vi sembra che esageri? chiedete a qualsiasi medico voi conosciate, chiedetegli non SE, ma QUANTE volte è stato minacciato, sia fisicamente che verbalmente. Resterete sorpresi.

6) Si usano meno farmaci. Ma meno meno meno, eh. Pazienti in terapia con più di 3-4 farmaci sono rari, pur avendo condizioni patologiche gravi. In Italia i pazienti anziani con più di 4-5 farmaci in terapia cronica sono la norma. Qua i farmaci si pagano, a meno che non si soffra di una patologia cronica (ipertensione, diabete) e solo i farmaci per quella patologia. Antibiotici? si pagano. FANS? si pagano. Cortisone? si paga. Superato un tetto annuale di spesa (circa 140 euro) poi lo Stato rimborsa. Sarà per questo, sarà per una maggiore oculatezza, mi sembra che però si abusi molto meno di quanto si faccia in Italia. I pazienti non chiedono, i medici prescrivono poco. Ho letto non pochi commenti di Italiani in Danimarca che si lamentano che "a meno che non stai per morire il medico l'antibiotico non te lo segna!!!"). Certo, in Italia siamo abituati a prescrivere antibiotici al telefono, e sempre col "salvastomaco" perchè TUTTI da qualche anno a questa parte credono di avere la gastrite, e "un po' di cortisone dottoreee non me lo segna?", e noi medici italiani giù a segnare. Un po' perchè siamo esasperati, un po' perchè delle linee guida ce ne freghiamo, un po' perchè pur di far smettere quel caxxo di telefono di suonare siamo disposti a qualsiasi cosa. E poi ci ritroviamo con le più alte percentuali europee di antibioticoresistenza. Sono 2 mesi che ho iniziato ad andare in ambulatorio qua in DK. Non ho MAI visto una sola volta prescrivere il cortisone al di fuori delle malattie reumatiche o allergiche. Colleghi italiani... quante volte avete visto in Italia un paziente con bronchite o polmonite senza il suo bel Bentelan o Deltacortene in tasca?

7) Qua il medico fa il medico. Fa diagnosi, prescrive terapie. Mansioni infermieristiche (prendere pressioni, glicemie, fare prelievi, cambiare cateteri, fare medicazioni semplici, valutare parametri di crescita nei bambini...) sono svolte da infermieri. C'è una stretta collaborazione tra medico di famiglia e infermiere di famiglia. Ognuno ha il suo ruolo, il suo spazio e la sua dignità professionale.

8) La gestione delle urgenze. Qua per andare in Pronto Soccorso bisogna prima chiamare. Se, e SOLO SE, si ritiene di avere una condizione per cui si rischia la vita (un infarto, un ictus), si chiama l'ambulanza che ti viene a prendere. In tutti gli altri casi, si telefona, si parla con un operatore (esperto in triage telefonico) che, se ritiene che non sia una reale urgenza, ti dice di aspettare il giorno successivo e andare dal medico di famiglia, se ritiene sia un'urgenza ti dà l'appuntamento per il PS. NON si può andare in PS autonomamente e senza appuntamento. Anche il medico di famiglia, prima di inviare in PS, deve chiamare, esporre il caso e prendere appuntamento per il proprio paziente. Risultato: nei PS danesi non avvengono e non avverranno MAI situazioni come quelle apparse a Nola nelle scorse settimane. Devo dire che, con mio figlio che si era appena tagliato un dito e sanguinava molto, sono stata 20 minuti al telefono ad aspettare il mio turno per parlare con un operatore. A quel punto mi sono stufata e mi sono arrangiata con quello che avevo in casa. In Italia sarei corsa in PS per fargli dare i punti.

9) Chiudo richiamando il punto 1 e cioè il confronto per me più importante, più sorprendente, più stridente: i medici di famiglia danesi sono sereni, rilassati e contenti del loro lavoro. In Italia NESSUNO dei miei Colleghi (specialmente quelli più anziani) è così sereno. Sarà che il nostro sport nazionale è la lamentela (...e mi ci metto anche io, tant'è che me ne sono andata!), ma parlare con un medico di famiglia in Italia è assolutamente deprimente, sconcertante, sconfortante. I medici di famiglia italiani sono o squali senza scrupoli, o vittime in burn-out, o eroi che pensano ancora di essere ai tempi de "La cittadella"... e poi regolarmente si bruciano le ali. Sperano nella riconoscenza dei pazienti come risarcimento dei loro sforzi, in una visione romantica e antiquata della propria figura professionale. E quando puntualmente la riconoscenza non arriva, rimangono feriti, delusi, frustrati. Se si lavora per ottenere riconoscenza, si è proprio sbagliato tutto. Molti cercano di trovare le proprie soddisfazioni professionali in altre attività: politica, volontariato, insegnamento. La sanità italiana è continuamente sotto accusa. Non c'è alcuna stima professionale tra colleghi. Una continua accusa reciproca di incompetenza, una guerra tra poveri (eticamente) assolutamente penosa. I miei colleghi danesi sembrano contenti di ciò che fanno, anche dopo 30 anni di professione. Questo è per me molto, molto confortante.

Qualcuno troverà un po' ciniche alcune mie affermazioni. Io penso che fare il medico NON sia una mission, ma una professione con un grande impegno etico certo, ma non una missione. E poi, guarda caso, quelli che mi hanno detto "eh... ma se per te non è una missione, hai sbagliato mestiere!" sono quelli che più di tutti abusano della mia disponibilità. Linko qua un post che nella sua sguaiata violenza verbale mi ha fatto tanto ridere (ma la realtà è proprio questa!): https://nessunodicelibera.wordpress.com/2015/02/22/nemmeno-le-puttane/

La nostra medicina generale, gratuita per tutti come credo nessun'altra in Europa, disponibile 24 ore su 24 ore, è bellissima, ma non è più sostenibile. E' triste dirlo, ma è una costatazione.  Alla prossima puntata.

13 commenti:

  1. Faccio il medico di famiglia da quarant'anni. Riconosco che hai ragione su molti punti. Madevi considerare che la situazioneè peggiorata molto da quando la politica ha fatto il suo ingresso nella nostra professione. La parte burocratica è quella che ci fa perdere più tempo. Inutile tra l altro. Attualmente costa sicuramente più il controllo del resto.
    Ti confesso che in tanti anni sono stato minacciato solo una volta o due.
    Le cattive abitudini dei pz sono spesso più colpa nostra e di trasmissioni televisive idiote.
    L accesso al ps solo per appunt mi sembra sbagliato. Ma è una mia idea. Un infartuato che fa telefona per un appuntamento ?
    In italia purtroppo non si fa quello che si dovrebbe. Il divide et impera è rimasto l obiettivo della nostra politica.
    I ps sono sotto organico. I medici mal pagati e spesso poco motivati. Le strutture fatiscenti. Intasati da pz che vi vanno per non pagare ticket ecc.
    Ma adesso si strombazzano i nuovi lea comeuna vvittoria e magari i vecchi muoiono per una broncopolmonite perché non hanno i soldi per il riscadamento.
    Credo che tutti noi dovremmo sederci ad un tavolo e chiederci cosa vogliamo. Forse non è giusto spendere soldi per la gravidanza assistita se mancano dei buoni reparti di ostetricia.
    Non so.
    Ho continuato a fare il medico con passione. E ha lasciare agli altri il giudizio su di me.
    Non è tutto da buttare. Ci sono molte cose belle. Nola può essere anche visto cone un insegnamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia critica di certo non voleva essere rivolta alle persone, ma ad un sistema che ha bisogno di un profondissimo cambiamento, altrimenti è destinato a collassare.

      Elimina
  2. Si, da come si sono svolte le cose in Italia , hai ragione su molti punti, su altri non sono d'accordo con te. Innanzi tutto sei una coraggiosa ed una fortunata. Coraggiosa perchè abbandonare il proprio ambiente ad una età non adolescenziale non è così semplice; ricostruire amicizie , colleganze, vicinanza affettiva è dura, soprattutto in popolazioni nordiche, che vedono , da sempre, la vita in modo completamente diverso dal nostro modo" italiano". Fortunata perchè , sento da quello che hai scritto , che sei stata facilitata forse per il lavoro e le amicizie pregresse del tuo partner? conosci molto bene l'inglese? Sei stata ben accolta dalla nuova comunità? L'ambiente nuovo che hai trovato, immagino, sia estemamente appagante.
    Per tutte queste cose ed altro posso dire che " ti invidio?
    Un medico di medicina generale ( o di famiglia come dir si voglia) completamente scog..to italiano, senza vie di fuga ed impossibilitato ad effettuare cambiamenti.
    Un saluto ed un "in bocca al lupo" affettuoso
    Giuseppe Nardacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No nessuna amicizia precedente nè mia nè di mio marito. Quando sono venuta qua per il colloquio di lavoro è stata la mia prima volta in Danimarca. Mio marito al momento non lavora (e in Italia era disoccupato da 3 anni). Non so se sapere l'inglese sia una fortuna, ci ho lavorato su. Tutto il resto del mio percorso di ingresso qua è stato organizzato dalla Regione in DK: dal reclutamento ad oggi è stato tutto perfetto.

      Elimina
  3. Salve. Sono una collega di 56 anni che vive , lavora e ha studiato a roma.
    Mi ha molto colpito la tua descrizione delle differenze organizzative e "culturali" e di comportamento, tra medici e cittadini italiani.vorrei condividere il tuo post. Ti chiedo l autorizzazione a farlo.
    Grazie
    Cristina Patrizi
    Mmg roma

    RispondiElimina
  4. se posso dire anch'io la mia. Il fatto che un paziente debba accettare tutto quello che il medico gli offre incondizionatamente è sbagliato. Spiegare ai pazienti perchè una cosa e nn un'altra o semplicemente dire che ritiene meglio prescrivere una cosa piuttosto che un'altra è importante. Ovviamente nei limiti. E sono d'accordo anche sul fatto che nn è giusto che uno possa andare al pronto soccorso solo per appuntamento. Stai scherzando? Se sei una persona sola e c'è un'urgenza. Io a pensarci bene nn ce l'ho neanche il numero del PS. Poi va beh, secondo me il lavoro ti deve appassionare, ti devi aggiornare, devi compatire un po il paziente che sta male. Ovviamente tutto con misura, senza stravolgere la tua vita personale ci mancherebbe. Poi secondo me la storia di avere un'infermiera di famiglia è questione di soldi che in Danimarca ci sono e in Italia (per vari motivi) no. Non è colpa nè del medico nè del paziente (almeno non direttamente).

    RispondiElimina
  5. Io sono neuroradiologa, non giovane, anzi abbastanza vecchietta ��. Mi sono trasferita in Svezia nel 2014. Sono d'accordo con te. La cosa più bella è che il referto va direttamente al medico prescrivente e non al paziente. Quindi è il clinico che conosce il paziente che spiega il risultato dell'esame. Non internet o il vicino di casa o la moglie del cugino. La maggior parte degli esami è positiva, significa che c'è un buon filtro clinico. In Italia gli esami negativi sono moltissimi. Non credo ci siano statistiche, a naso direi il 40% delle risonanze. I miei colleghi hanno un ottimo livello di preparazione. In bocca al lupo. Com'è il danese?
    Luisella Sibilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, difficile purtroppo, specialmente la pronuncia.

      Elimina
  6. Articolo interessante nel titolo, poi però perde di obiettività e diventa solo uno sfogo dai toni adolescenziali. Inutile inoltre: i problemi della sanità italiana non sono inquadrati nello scenario generale, si parla di meravigliosa sanità danese, ma è vero che io ho dovuto spiegare alla segretaria del mio medico che si può fare una ecografia mammaria al posto di una mammografia per lo screening annuale in giovani donne. poi sinceramente mi chiedo perché mai la vecchietta che ha vomitato per una settimana con diarrea e perso sei chili si senta in dovere di andare a piedi dal medico,che sia sintomatico di una società troppo preoccupata di seguire le regole o solo caso singolo? In entrambi i casi, mi auguro che non capiti di nuovo. E poi dovrei prenotare per andare in pronto soccorso? Che ci vado a fare al "pronto soccorso" se devo prenotare? Parlo da italiana scappata in Danimarca, mi sono trovata bene con il mio medico danese, ma è vero che nei cinque dieci minuti in cui il mio medico italiano mi ascolta sui problemi che ho, mi prescrive la visita specialistica, si ricorda a memoria quante volte quest anno mi ha prescritto L amoxicillina per la sinusite, mi spiega anche i motivi medici e legali per cui nn può prescrivere un farmaco o le analisi entro un certo periodo, e ha anche il tempo di farmi gli auguri dopo che gli do la bomboniera di laurea , di abbracciarmi dopo che gli dico che non ci vediamo più perché espatrio in Danimarca e mi chiede di tornare a trovarlo quando torno a casa. Storia realmente accaduta. In cinque dieci minuti. Come è vero che ci chiamiamo per nome (mi conosce da quando sono nata), e mi spiega tutti i sintomi che io raccontandogli penso siano cavolate, e mi sento tranquilla nel farlo perché è cordiale e gentile. E spesso sono le "cavolate" che gli ho raccontato, quei piccoli episodi che ci diciamo "dai non sarà nulla", ad avergli fatto aguzzare le orecchie e prescrivere visite di controllo o analisi.Mi sono sentita in imbarazzo a raccontare al medico danese dei piccoli disturbi che credevo fossero cavolate e poi si sono rivelate problemi seri. Io credo che il lavoro di medico sia anche lavorare con le persone: sinceramente il dottore che mi dice il nome della malattia e non mi spiega a parole per me comprensibili o tranquillizza, per me, ha mancato il suo obiettivo. Poi è vero che il mio medico manca ogni tanto per i suoi corsi di aggiornamento, come in sala d attesa si sentono pazienti lamentarsi che lui non gli prescriva più di un tot di medicinali, come è vero che alle cinque chiude la porta del ambulatorio, mezz'ora prima di finire, chi è dentro e dentro altrimenti se ne parla il giorno dopo. Il mio punto è che si può essere degli esseri umani con i pazienti e allo stesso tempo tracciare una linea tra medico e paziente, di rispetto della professione e delle conoscenze e anche degli orari di lavoro.

    RispondiElimina
  7. In cina non ci sono medici di famiglia e neanche le farmacie. Fai la visita all'ospedale dopo la prenotazione online e compri I farmaci li. Secondo me e' il modo piu'efficiente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Cuba invece il sistema sanitario è tutto incentrato sul territorio e sembra essere il sistema che funzioni meglio. Credo dipenda molto da cultura e mentalità...

      Elimina
  8. Molti medici di base italiani hanno completamente abdicato al loro ruolo di filtro tra la popolazione e l'ospedale; il risultato sono i PS intasatissimi. Non so in Danimarca, ma in Germania prestazioni come mettere e togliere i punti per piccole ferite, le prove da sforzo, emogas per la prescrizione di ossigeno etc. sono compito del medico di base.

    RispondiElimina